Incipit

I  NOTTURNI DI RALCO: … I tempi stringevano e l'editore lo subissava di telefonate, a Ralco mancava solo di terminare l'articolo di fondo e il numero di gennaio poteva dirsi completo. L'approssimarsi delle festività natalizie lo costringevano a presentare il menabò con mezzo mese d'anticipo. Immediatamente dopo si sarebbe scatenata la campagna elettorale e il numero di febbraio sarebbe uscito fuori tempo. Non poteva eludere l'avvenimento senza un accenno o almeno un pizzico d'ironia. Accese il computer, recuperò il documentio e continuò: ...Dopo il divide et impera, panem et circenses  erano ...
SUHUR-MASH-HA  (Il segno del pesce capra): ...  Aveva lasciato Locarno e si apprestava ad aggirare Ascona per dirigersi a Brissago. Fuori dal centro la strada era pressoché deserta.
L'automatismo della guida su di un percorso a lui ampiamente noto gli lasciava il tempo per riflettere sul senso di solitudine che l'opprimeva da quasi mezzo secolo. Ne conosceva le cause? Certo. Sapeva non solo di avere sbagliato, ma anche quando, dove, come e perché. Aveva caparbiamente accettato di sbagliare credendosi capace di gestire ogni situazione, di dominare ogni difficoltà. Umana presunzione, niente di più banale e di più stupido e nel contempo niente di più umano e logico in chi è giovane. 
Quel che si rintanava nell'ombra erano le cause remote,  quel qualcosa accaduto ieri ...
STALATTITI DI GHIACCIO
                                                                          Dardi di fuoco sprizzava l'ovale
Baluginava l'Atitlan al sole                           bucando il cuore bastardo del mondo:
d'eterna primavera tropicale                        eran lo sguardo d'un'ombra irreale.
sul rassegnato sospirar dell'uomo.              Come stalattiti, d'ambra sfumate,
Stagliavasi sul grigio della roccia,               rade cortine canute dal tempo
come inchiodata al buco d'un dirupo         vedea fluire sul petto villoso,
cariatide intagliata d'ombra umana,          dal luccicare d'un mento bavoso
immobile, in estasi perduta.                         appeso a un teschio immobile, assorto.
Regger pareva stanchezze infinite                   ....
poste sul dorso scosceso del monte 
POLVERE DI LUCE
 
Guardo Bissone e Melide. Campione,          volare là sopra come un airone
che oltre quel ponte scorgo lontano           tra un cielo di nubi e squarci di luce,
specchiarsi nel lago come visione               cantare al sole l'eterna canzone
d'in sul terrazzo del verde Serpiano.
                                                                          sull'ali del vento che mi conduce;
Entro i riflessi del lago e l'alone                  gridar la mia gioia, la grande passione
dell'agostana, assolata calura                       per questa vita che ancor mi seduce.
sempre mi perdo in cotemplazione.
Vorrei tentare la folle avventura:
 
GIOVENTÙ
                                                                         L'ora passò ...
Era la vita                                                       L'uomo, smarrito, si scosse, guardò ...
come dischiusa aurora                                 e, nella brina aspersa fra le chiome,
in un tripudio                                                vide la sera.
di primavere.
di palpiti festanti, di chimere,
d'occhi sognanti:
riverbero di vergini pianeti
lontani.
Quando l'Eterno, sull'estasi inconscia
sorse e pensò:
"Scorri, è l'ora!"
TOP GUN SUGLI ANGELI
 
Un pensiero, un sogno... una chimera:
fantasmi di una sera.
                                                        Un'ombra nella nebbia del mattino:
                                                         triste risveglio d'un bambino.
Piango dei padri il passato
che vedo sfumato.
                                                         Piango dei figli il futuro
                                                         immerso in un turbine oscuro
fra gli occhi sbarrati d'un vile
che imbraccia beffardo un fucile.
                       
LE CHIAVI DELL'IO
 
Io scrivo                                                         è il ponte menzognero
e la mia chiave è dell'Io espressivo,           dell'interpretazione
tu leggi                                                            che spesso le confonde.
e gli occhi usan quella dei gorgheggi.        Se n'era accorto il Foscolo,
La musica che nasce                                     leggendo quell'Iliade,
sembra ci sappia unire ,                               ma non è poi un mistero.
ma è solo un'illusione:                                  Quindi del Monti scrisse:
io credo saper dire,                               <<Gran traduttor dei traduttor d'Omero>>
tu di saper capire.
Un fiume ci separa
e a unire le due sponde
 
SCARPE
 
Se ti ripenso quand'eri bambina                Mute parole, una fiaba infinita
incespicante entro scarpe di donna           quando mimavi le tue fantasie
mentre indossavi di mamma la gonna      ad uno specchio lator di bugie.
e t'atteggiavi di già a signorina,                   Certo dei grandi storpiavi la vita.
 
la tenerezza riprovo di allora.                     Rimpiango triste, e il cuore mi duole.
Avevi smania di crescere in fretta,              Forse giocare ben altra partita
pensavi la vita fosse perfetta                        avrei dovuto, la non suggerita.
 e d'esser grande sognavi già l'ora.               Non ho saputo? Non trovo parole.
 
 

     IMMAGINI   

 

 

Grafemi impressi sulla rena

distesa con il palmo della mano.

Tsunami di ricordi

dietro le palpebre serrate,

traslucide, ad abbronzarsi al sole;

popolano pian piano

lo schermo fluorescente della mente.

Gioca la brezza

coi peli delle braccia,

sfiora la faccia, confonde i pensieri.

Calore che stuzzica e t'infonde

capziosi desideri.

Poi tutto è come ieri

per la risacca che spiana la traccia.

   POETA          

 

Molti si chiedon cosa sia poesia,

ma pochi cosa l'essere poeta

ed il poeta stesso chi egli sia.

Parla con voce timida, discreta,

 

mette a nudo se stesso, indaga il mondo,

scortica il cuore, l'anima ed abiura

quel che gli altri appetiscon. Nel profondo

 

vorrebbe capeggiare una congiura,

ma è pure consapevole che infondo

pochi lo degneran d'una lettura.

 

Sa come il proprio simile abbisogni

d'un patetico narrator di fole;

forse soltanto d'un acchiappasogni

o d'un prestigiatore di parole.

 

LA LUMACHINA A PRANZO

 

Fragoletta,fragoletta                                                  

ti divoro senza fretta,  

ma le antenne ben protese 

tengo a scanso di sorprese.

Così viscida dovrei

poter farmi i fatti miei

ma purtroppo, che birbanti,

di nemici io ne ho tanti.

Con il sale l'uom mi scioglie

provocandomi gran doglie;

dice il riccio al toporagno:

«Quella lì io me la magno!»

Brutta, viscida e schifosa

so non essere gran cosa,

ma ricordati che anch'io

creatura son di Dio.

LA LA COCCINELLA

 

Sette piccoli puà

perché mai?  Nessun lo sa.

Rossa, gialla, rosa o nera

assomiglio a mezza sfera.

Sì, lo so d'esser graziosa

e perciò son velenosa!

Di pidocchi predatrice

come Diana cacciatrice,

ma se a voi sembrerò parva,

son cannibale da larva,

cosicché della nidiata

resterà la più dotata.

Suggo gli afidi in giardino

come piace al contadino.

Rossa, gialla, nera o bruna

porto agli uomini fortuna.

SILENZIO

Nel tuo silenzio ostinato e duro,

io, corvo solitario in cresta al muro,

scrutando vado l'orizzonte:

pavento l'uragano

precipitar dal monte,

siccome

il naufragar m'è triste nel dolore

di un mare senza nome

anche se il melo è in fiore.

 

 

L'AMBIZIONE

Se del successo punti alla scalata

sai che gl'intoppi non son bruscolini.

Sali dal fondo della scalinata

e ad aggredir t'appresti quei gradini:

fatichi, arranchi, sgomiti, calpesti.

Quando ansimando sei arrivato in cima

e pago di conquiste poi ti arresti,

scopri ch'è stato inane fin da prima.

 
 
 
 
 
edizioni
fuori  commercio
  • Wix Facebook page

© 2015 Carlo Antonio Bertolo

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now