Ritaglio foto.jpg

"LA POESIA È MORTA, VIVA LA POESIA !

SE LA POESIA È FIUME E LA PROSA MARE, QUANDO  IL FIUME, ABBANDONANDO SPONDE E ALVEO SFOCIA IN MARE, PERDE LA PROPRIA IDENTITÀ DI FIUME.

COSÌ ANCHE LA POESIA NON È PIÙ POESIA PERCHÉ DIVENTA PROSA A TUTTI GLI EFFETTI."

CHIUNQUE TU SIA,

BENVENUTO IN CASA MIA.

 

Se vuoi saper chi sono,

come scrivo e cosa scrivo,

va alle opere, scegli,

siediti comodo, tappa

le orecchie, spalanca gli occhi,

la mente e il  cuore,

leggi e dimentica le ore.

POESIA DEL MESE

“Niord”

 

Sbiadito ricordo: pensiero

che torna a un tempo lusinghiero,

che torna là d’onde è venuto

con l’arpa celtica e col liuto,

dove d’inverno la bufera

turbina, sibila ed impera.

Là, dove pallida l’estate

origlia su spiagge gelate.

Ritorna  d’onde l’alce sogna

il flautar della zampogna

e l’orme lasciate  riavran

le impronte ongulate di Pan.

D’onde il carro pigro di Odino

irraggia il mare sul mattino.

Ritorna a gustare la brezza

della perduta giovinezza,

lo scompigliar di bionde chiome

senza vita, senza più nome

nel fluttuar leggero e frale

di stinta aurora boreale.

  • Wix Facebook page

© 2015 Carlo Antonio Bertolo

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now